5 migliori VPN per Ubuntu 2020: i migliori client VPN di Ubuntu recensiti

Passando da Windows o macOS a Ubuntu hai fatto un passo importante verso il miglioramento della tua privacy digitale. Il prossimo passo è migliorare la tua sicurezza online con una VPN per Ubuntu. Ubuntu e una VPN sono una combinazione vincente, tuttavia, personalizzata VPN Linux il software può essere difficile da trovare, poiché la maggior parte dei servizi supporta solo Windows, Mac, iPhone e Android. In questa guida, elenchiamo le cinque migliori VPN per Ubuntu che hanno tutte compatibile client ubuntu.


Le VPN sono ottimi strumenti per la privacy, crittografano tutto il traffico in entrata e in uscita dal tuo computer, mantenendo quindi i tuoi dati sempre al sicuro. Una VPN ti permetterà anche di sbloccare servizi di streaming da tutto il mondo.

Non tutte le VPN supportano gli utenti Ubuntu. Insieme a Mint (che è comunque biforcuta da Ubuntu), Ubuntu è ampiamente considerata come la distribuzione Linux più adatta ai principianti disponibile. È anche molto popolare poiché la maggior parte degli sviluppatori Linux e le guide di Linux assumono Ubuntu come "predefinito", quindi gli utenti Ubuntu godono di livelli di supporto senza precedenti (per il mondo Linux!).

Molti servizi VPN offrono guide di configurazione manuali per Ubuntu, ma può ancora essere difficile trovare un servizio VPN che offra ai clienti client VPN Ubuntu. Tutte le VPN che raccomandiamo di seguito offrono il proprio software Ubuntu personalizzato, alcune delle quali hanno client GUI per Ubuntu.

Vuoi saperne di più sulle VPN?

Se desideri maggiori informazioni sulle VPN, su come funzionano e su come proteggere la tua privacy online dai un'occhiata alle guide elencate di seguito.

  • Crittografia VPN - Ulteriori informazioni su OpenVPN, IKEV2, PPTP e, L2TP / IPsec in questa guida.
  • Guida alla privacy online - La guida definitiva per rimanere sicuri e privati ​​online
  • Proxy vs VPN - Qual è la migliore e perché?

5 migliori VPN Ubuntu

Di seguito elenchiamo le migliori VPN per Ubuntu che offrono tutti client dedicati compatibili con Ubuntu. Alcuni di questi includono un client GUI VPN per Ubuntu e tutti sono facili da configurare. Scorri sotto questo elenco per ulteriori informazioni sui servizi VPN di Ubuntu o fai clic sul link per visualizzare le informazioni sul sito Web del provider.

  1. AirVPN

    - App per tutte le piattaforme tra cui Ubuntu | Eccellenti funzionalità di alta qualità | Nessun registro

  2. Mullvad

    - Compatibile con Ubuntu | Compatibile con IPv6 | VPN tramite Tor

  3. ExpressVPN

    - Fulmine | App per tutte le piattaforme | Supporto live chat 24/7

  4. NordVPN

    - Collegamenti veloci | App per tutte le piattaforme | Server in oltre 60 paesi

  5. CyberGhost VPN

    - VPN economica | Server in 60 paesi | App per tutte le piattaforme

Tutti i client VPN Ubuntu personalizzati discussi di seguito utilizzano OpenVPN, che è il nostro protocollo VPN consigliato. Entriamo in molti più dettagli sulle loro funzionalità nei riepiloghi qui sotto, vedere le recensioni VPN per ulteriori informazioni su uno qualsiasi dei servizi di seguito.

1. AirVPN

AirVPN è la migliore VPN per Ubuntu - eccellente per ottenere la privacy online

  • Prezzi

    A partire dal $ 4,64
    / mese

  • Disponibile su


    • finestre

    • Mac OS

    • androide

    • Linux

    • iOS

AirVPN è la migliore VPN per utenti Ubuntu. Questo servizio con sede in Italia ha una forte attenzione tecnica che la nostra ricerca mostra scoraggiare molti utenti. Ma hey, tu’sei un utente Ubuntu hardcore, quindi questo non dovrebbe’essere un problema per te! E, davvero, non dovrebbe davvero’t. AirVPN è un provider molto orientato alla privacy e open source “Eddie” client è lo stesso affare in Windows, macOS e Ubuntu.

Ciò significa che gli utenti Ubuntu possono usufruire di un client VPN GUI completo di tutte le funzioni con un kill switch e una protezione completa dalle perdite IPv4 e IPv6. Il client è anche efficace nel mitigare le perdite WebRTC e consente il port forwarding.

Ottieni anche pieno accesso ad AirVPN’s VPN tramite SSH o funzionalità di offuscamento del tunnel SSL e la possibilità di utilizzare per connettersi ai suoi server VPN tramite la rete Tor per un vero anonimato quando si utilizza il servizio (supponendo che tu paghi anche in forma anonima, ovviamente). Il port forwarding è disponibile tramite l'interfaccia web.

Gli utenti possono collegare fino a cinque dispositivi contemporaneamente. Non viene tenuto alcun registro (vengono inviati a un file dev / null) e il torrenting è consentito su tutti i server.

2. Mullvad

Mullvad è un'eccellente VPN che offre un servizio completo perfetto per gli utenti Ubuntu

  • Prezzi

    A partire dal $ 5,50
    / mese

  • Disponibile su


    • finestre

    • Mac OS

    • Linux
  • sblocca


    • iPlayer

Mullvad è un servizio VPN svedese senza log che condivide molto in comune con AirVPN, incluso un forte focus su tecnologia e privacy. E come AirVPN, offre agli utenti Ubuntu lo stesso client GUI open source con funzionalità complete di cui godono i tuoi colleghi proprietari di Windows e Mac.

Mullvad’Il client presenta un kill switch e, oltre a fornire protezione completa dalle perdite DNS e mitigazione WebRTC, è l'unico client per qualsiasi piattaforma a instradare correttamente le connessioni IPv6 piuttosto che bloccarle semplicemente per evitare perdite. Dispone anche di port forwarding.

La VPN tramite Tor è supportata, sebbene ciò richieda una configurazione manuale. Mullvad accetta pagamenti in contanti inviati per posta, consente fino a cinque connessioni simultanee, ha server in tutto il luogo ed è uno dei nostri primi cinque vincitori dei test di velocità.

3. ExpressVPN

ExpressVPN è un servizio noto che è l'ideale su tutte le piattaforme, incluso Linux

  • Prezzi

    A partire dal $ 6.67
    / mese

  • Disponibile su


    • androide

    • iOS

    • finestre

    • Mac OS

    • Linux
  • sblocca


    • Netflix

    • iPlayer

    • Amazon Prime

    • Hulu

ExpressVPN ha sede nelle Isole Vergini britanniche, è una delle figure più rispettate nel settore VPN. Siamo particolarmente colpiti dal passaggio a server solo al 100% RAM che garantisce che i dati non possano persistere tra i riavvii e migliora la sicurezza poiché tutti i server si avviano sempre da dischi di sola lettura con configurazioni identiche.

Oltre al supporto manuale di Ubuntu per vari protocolli VPN, ExpressVPN offre ora un client Ubuntu da riga di comando (CLI) con protezione dalle perdite DNS. Offre file DEB a 32 e 64 bit disponibili per gli utenti Ubuntu.

Gli utenti di ExpressVPN godono del supporto live chat 24 ore su 24, 7 giorni su 7, una garanzia senza cavilli di 30 giorni e ora possono utilizzare fino a cinque dispositivi contemporaneamente.

4. NordVPN

NordVPN è un servizio VPN davvero eccezionale per Ubuntu con sicurezza e privacy elevate

  • Prezzi

    A partire dal $ 3.49
    / mese

  • Disponibile su


    • Mac OS

    • androide

    • iOS

    • finestre
  • sblocca


    • Netflix

    • iPlayer

    • Amazon Prime

    • Hulu

NordVPN ha sede a Panama senza NSA. Ha una solida reputazione per i servizi di streaming sbloccati come Netflix e BBC iPlayer statunitensi e offre persino un servizio Smart DNS completo come backup (utile anche per accedere a questi servizi su televisori e console di gioco intelligenti).

NordVPN si concentra sulla privacy e sulla sicurezza, senza tenere registri e offrendo server XOR offuscati. CyberSec è una funzione che utilizza elenchi di blocco DNS per bloccare annunci Web indesiderati, malware e altre minacce alla sicurezza. Purtroppo non è disponibile su Ubuntu, ma è disponibile nella maggior parte delle sue app, quindi la maggior parte delle persone lo troverà comunque utile su un secondo dispositivo.

NordVPN’s CLI Il client Ubuntu è un affare abbastanza semplice ma offre la scelta tra connessioni UDP e TCP OpenVPN e viene preconfigurato per le posizioni dei server di NordVPN. Offre anche una funzione di compilazione automatica per facilitare l'immissione dei comandi in Terminale. L'app è disponibile come pacchetto DEB per Ubuntu (è anche disponibile un RPM) ed è installato usando la riga di comando.

Sono consentite fino a sei connessioni simultanee, il supporto live chat 24/7 è a portata di mano e una garanzia di rimborso di 30 giorni offre tranquillità.

5. CyberGhost VPN

CyberGhost VPN è forte sulla privacy e sblocca i servizi di tutto il mondo

  • Prezzi

    A partire dal $ 2,75
    / mese

  • Disponibile su


    • androide

    • iOS

    • finestre

    • Mac OS

    • Linux
  • sblocca


    • Netflix

    • iPlayer

CyberGhost VPN è un servizio VPN senza log basato sulla Romania rispettosa della privacy (anche se è molto orgoglioso del fatto che’s software è sviluppato in Germania). Le sue app GUI per altre piattaforme includono funzionalità come split tunneling, protezione WiFi, blocco annunci e protezione tracking.

Il suo client Ubuntu CLI è davvero solo un front-end per l'app OpenVPN open source per Ubuntu, ma funziona bene e avere preconfigurate le posizioni dei server è utile. Insolitamente, sono disponibili versioni separate dell'app per Ubuntu 16.04, Ubuntu 18.04 e Ubuntu 19.04 (più Fedora 29 & 30). Non siamo proprio sicuri del perché, ma supponiamo che siano ottimizzati per la tua versione di Ubuntu.

CyberGhost offre supporto live chat 24 ore su 24, 7 giorni su 7 (incluso il supporto specialistico Ubuntu), consente fino a sette dispositivi contemporaneamente, consente il torrenting su tutti i server e offre una garanzia di rimborso di 45 giorni all'avanguardia nel settore (oltre a 7 giorni senza carte prova).

Come configurare una VPN su Ubuntu?

Per uno sguardo dettagliato su come configurare una VPN Ubuntu usando OpenVPN, IKEv2, L2TP / IPsec e PPTP, vedere Come installare una VPN in Linux. Come la maggior parte di tali guide, la nostra si concentra su come installare una VPN in Ubuntu.

Utilizzo di una VPN per Ubuntu

L'uso di una VPN per Ubuntu è praticamente uguale all'utilizzo di una VPN per qualsiasi altro sistema operativo. Principalmente perché Ubuntu è meno popolare e quindi meno supportato rispetto ai suoi concorrenti commerciali, tuttavia, ci sono una o due stranezze di cui dovresti essere a conoscenza.

Perché ho bisogno di una VPN per Ubuntu?

Hai bisogno di una VPN per Ubuntu per gli stessi motivi per cui hai bisogno di una VPN su qualsiasi computer. Se non sai cosa sia una VPN o come si possa aiutarti, consulta la nostra Guida per principianti alle reti private virtuali. Come rapido aggiornamento, però:

  • Una VPN impedisce ai siti Web visitati di vedere il tuo vero indirizzo IP, il che aiuta anche a impedire loro di rintracciarti su Internet
  • Una VPN impedisce al tuo provider di servizi Internet (ISP) di sapere cosa fai su Internet perché tutto ciò che sa è che sei connesso a un server VPN
  • Una VPN impedisce anche al tuo ISP di vedere i tuoi dati perché i dati sono crittografati tra il tuo PC Ubuntu e il server VPN
  • E ciò che il tuo ISP non sa, neanche il tuo governo (a meno che non ti stia prendendo di mira in modo molto specifico, ovviamente)
  • La crittografia utilizzata per connettersi a un server VPN ti protegge quando un hotspot WiFi pubblico
  • Una VPN ti consente di guardare programmi su servizi come BBC iPlayer e US Netflix che normalmente verrebbero bloccati
  • E una VPN ti consente di accedere ai contenuti del tuo cuore senza la necessità di guardarti alle spalle

Quindi, come strumento per la privacy, una VPN è un compagno perfetto per Ubuntu!

Il software con interfaccia grafica personalizzata è molto raro sul campo

In effetti, solo AirVPN e Mullvad offrono client con interfaccia grafica personalizzata completa per Ubuntu. Alcuni servizi VPN ora offrono client Command Line (CLI) personalizzati, ma oltre a venire preconfigurati per connettersi ai propri server, questi di solito non offrono nulla oltre alla configurazione manuale di OpenVPN.

La maggior parte dei servizi VPN offre supporto Ubuntu tramite CLI manuali e / o guide alla configurazione del gestore di rete. Questi vanno bene per quanto vanno, ma ...

Nessuna protezione dalle perdite DNS

La configurazione VPN manuale di base in Ubuntu e la maggior parte dei client CLI personalizzati non invia richieste DNS ai server DNS del provider VPN. Le perdite DNS possono essere risolte, tuttavia, modificando resolvconf per inviare il DNS ai server DNS della tua VPN.

In alternativa, è possibile configurare manualmente il firewall iptables per assicurarsi che tutto il traffico (comprese le richieste DNS) debba passare attraverso il server VPN. IVPN ha scritto una guida superba su come farlo.

Nessun kill switch

Ancora una volta, né la configurazione VPN manuale né alcun client della CLI Ubuntu che conosciamo offre un kill switch progettato per impedire la perdita del tuo indirizzo IP in caso di interruzione della VPN o durante la riconnessione della VPN. La configurazione di iptables come sopra, tuttavia, funziona anche come kill switch.

Va notato che i client Ubuntu della GUI di AirVPN e Mullvad includono entrambi una protezione completa dalle perdite IPv4 e IPv6 DNS e interruttori kill. Presentano inoltre tutte le altre campane e fischietti disponibili per i loro clienti Windows e macOS.

Ubuntu 18.04 LTS e Ubuntu 19.04 GNOME problemi di privacy

Con il rilascio di Ubuntu 17.10, Canonical ha abbandonato il desktop Unity nostrano come shell predefinita per GNOME 3. Fortunatamente, le controversie sulla privacy come l'invio di query di ricerca immesse nella barra di ricerca Dash di Unity su Unified su Amazon sono ora solo un lontano ricordo.

Il pulsante Amazon

Ad alcuni potrebbe non piacere, tuttavia, il fatto che Ubuntu 18.04 LTS GNOME e Ubuntu 19.04 GNOME (le ultime distribuzioni stabili al momento della stesura di questo articolo) continuino a presentare uno speciale pulsante Amazon nella barra di avvio rapido. Cliccandoci sopra si apre una nuova scheda del browser con un codice di riferimento che assicura che Canonical riceva una piccola commissione per ogni acquisto effettuato.

Ubuntu Amazon

Ovviamente puoi semplicemente scegliere di non fare clic su questo pulsante se ti dà fastidio. Ma se lo fa, allora puoi liberartene. Per nasconderlo, fai clic con il tasto destro sull'icona -> Rimuovi dai preferiti. Per rimuoverlo completamente dal tuo computer, apri Terminale e inserisci:

sudo apt elimina ubuntu-web-launcher

Ecco! Niente più pulsante Amazon!

Segnalazione errori

Ubuntu Unity è arrivato con alcune politiche sulla privacy di terze parti piuttosto spaventose che equivalevano a condividere una grande quantità di informazioni personali con artisti del calibro di Facebook, BBC, eBay, Google (tramite YouTube) e altro.

Ancora una volta, il passaggio a GMOME sembra risolverlo, poiché Ubuntu GNOME è una versione abbastanza standard di GMOME 3. Che non condivide le informazioni personali con nessuno. Tuttavia, invia rapporti di errore anonimizzati a Canonical.

Se lo desideri, puoi disattivarlo andando su Mostra applicazioni (l'icona della griglia nella parte inferiore sinistra dello schermo) -> impostazioni -> vita privata -> Segnalazione dei problemi -> Invia segnalazioni di errori a Canonical -> via.

VPN Ubuntu: pensieri finali

Il recente spostamento sismico di Ubuntu dal desktop Unity a GNOME ha risolto la maggior parte dei problemi di privacy che hanno afflitto la popolare distribuzione Linux di Canonical per anni. Il supporto della maggior parte dei provider VPN, tuttavia, rimane saldamente focalizzato su Unity.

Linux è comunque Linux, quindi tutte le app continueranno a funzionare perfettamente in Ubuntu GNOME. E grazie alla pesante skinning dell'interfaccia GNOME 3 di Canonical per dargli una sensazione molto simile a Unity, la maggior parte delle guide di configurazione VPN saranno ancora abbastanza vicine da seguire.

Vale anche la pena notare che quasi tutte le app progettate per Ubuntu (comprese quelle di tutti i provider elencati in questo articolo) funzioneranno altrettanto bene in altre distro basate su Debian / Ubuntu, come Debian stessa, Mint, Kali e altre. La maggior parte, in effetti, può essere ricompilata per funzionare con qualsiasi tipo di Linux scelto!

Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me