Disabilita la raccolta di dati di Windows 10: una guida completa

Dalla sua uscita il 29 luglio, i problemi di sicurezza di Windows 10 hanno suscitato critiche da parte di professionisti IT e attivisti della privacy che si oppongono fortemente a molte delle impostazioni predefinite nell'ultimo sistema operativo di Microsoft. Per aiutarti, ProPrivacy ha deciso di offrirti questa guida rapida facile da seguire che ti permetterà di disabilitare la raccolta di dati di Windows 10.

1. Disattiva gli annunci personalizzati

In primo luogo vorrai occuparti del sistema di annunci su misura, lo fai nelle impostazioni di sicurezza di Windows 10.

Per disabilitarlo vai su Impostazioni > vita privata > Generale e fai scorrere l'opzione che dice "Consenti alle app di utilizzare il mio ID pubblicità per esperienza tra le app (disattivando questo ripristinerai il tuo ID)" in posizione Off.

Ora disattiva eventuali blocchi degli annunci nel tuo browser (poiché interferiscono) e vai su choice.microsoft.com/en-us/opt-out. Una volta lì, scegli Off per "Annunci personalizzati ovunque io utilizzi il mio account Microsoft" e "Annunci personalizzati in questo browser".

2. Disabilitare Cortana

Apri Cortana nella barra delle applicazioni e premi l'icona del blocco note sul lato sinistro del popup.

Fai clic su Impostazioni e scorri fino a Off l'opzione che dice "Cortana può darti suggerimenti, idee, promemoria, avvisi e altro".

Senza Cortana, hai anche la possibilità di disabilitare i risultati di Bing. Se Bing non è la tua tazza di tè, disabilita "Cerca online e includi i risultati web".

3. Smetti di conoscermi!

Ora torna in Impostazioni e vai su Privacy > Discorso, inchiostrazione e digitazione.

Qui devi fare clic su "smetti di conoscermi. Ciò disabiliterà la famigerata sequenza di tasti e il registratore che ha causato così tanto dibattito.

4. Cancella la memoria di Cortana

A questo punto fai clic su "Vai a Bing e gestisci le informazioni personali per tutti i tuoi dispositivi". Dove puoi eliminare tutto ciò che Cortana ha fino a quel momento è riuscito a capire su di te facendo clic su Cancella in fondo.

5. Scegli i tuoi hotspot

Quinto nel tuo elenco di cose da fare: vai su Impostazioni > Rete & Internet > Wi-Fi > Gestisci impostazioni Wi-Fi.

Qui è dove si disattiva il Wi-Fi Sense. Fallo scorrere "Connetti a hotspot aperti suggeriti" e "Connetti a reti aperte condivise dai miei contatti" in posizione Off.

6. Interrompere la condivisione dei file di sistema

Interrompere Windows 10 condividendo i file di sistema e gli aggiornamenti sul PC (e dal PC ad altri utenti) per impostazione predefinita.

Vai alle impostazioni > Aggiornare & Sicurezza > aggiornamento Windows > Opzioni avanzate > Scegli come vengono consegnati gli aggiornamenti.

Qui dovrai scegliere di disabilitare completamente "Aggiornamenti da più di un luogo" o decidere di optare per la condivisione di informazioni solo con "PC sulla tua rete locale". Sta a te.

7. Disattiva un'unità

A questo punto, vorrai impedire a Windows 10 di archiviare informazioni sui server di Microsoft. Questo si chiama OneDrive.

Per disabilitarlo:

fai clic sulla freccia su nella barra delle applicazioni.

Scegli OneDrive > Impostazioni e deseleziona tutte e tre le seguenti opzioni:

"Avvia OneDrive automaticamente quando accedo a Windows."

"Fammi usare OneDrive per recuperare tutti i miei file su questo PC",

e "Usa Office per lavorare su file con altre persone contemporaneamente".

Raccolta dati di Windows 10

8. Interrompere l'invio di informazioni a Microsoft

Ora ritorna alle Impostazioni > Privacy e selezionare Generale, dove si desidera disattivare "Invia a Microsoft informazioni su come scrivo per aiutarci a migliorare la digitazione e la scrittura in futuro" e "Consenti ai siti Web di fornire contenuti pertinenti a livello locale accedendo al mio elenco di lingue".

9. Disabilitare il servizio di localizzazione di Windows 10

Se lo desideri, puoi anche disabilitare il servizio di localizzazione di Windows 10 che si trova direttamente in Generale. Qui puoi eliminarlo completamente in Modifica o impostarlo su Off solo per quel particolare utente.

10. Autorizzazioni app

Continua l'elenco delle app in Generale e Posizione: disabilita una delle funzionalità che non desideri.

Considerare attentamente, tuttavia, poiché alcune opzioni (come l'app Mail che si trova nei tuoi contatti) potrebbero essere utili.

11. Microsoft Edge

Microsoft Edge è il nuovo browser Internet in Windows 10. È impostato per comunicare con Microsoft per impostazione predefinita.

Per interromperlo, apri Edge, fai clic sul menu (tre punti orizzontali) seleziona Impostazioni > Visualizza impostazioni avanzate.

Qui disattiva tutto ciò che non desideri nella sezione "Privacy e servizi" ("mostra suggerimenti di ricerca" e "Aiutami a proteggermi da siti e download dannosi con il filtro SmartScreen" può valere la pena lasciarlo attivo poiché entrambi svolgono funzioni legittime. )

12. Impostazioni Sincronizzazione

Se non desideri che le tue impostazioni di Windows 10 siano disponibili sulla tua richiesta su altri PC, dovresti andare su Impostazioni > conti > Sincronizza le tue impostazioni e spostale su Off.

13. SmartScreen

SmartScreen è una funzione che ti aiuta a proteggerti da programmi desktop indesiderati e dannosi. Dovresti disabilitarlo solo se sei sicuro di ciò che stai facendo. Altrimenti, lascialo acceso.

Per disabilitarlo vai al menu Start > Pannello di controllo. Seleziona Sistema e sicurezza > Sicurezza e manutenzione e seleziona "Modifica impostazioni SmartScreen di Windows" da sinistra.

Ora fai clic sul pulsante di opzione accanto a "Non fare nulla (disattiva Windows SmartScreen)".

14. SmartScreen + App

Infine, disabilita l'altro filtro SmartScreen in Impostazioni > vita privata > Generale e fai scorrere l'opzione che dice 'Attiva filtro SmartScreen per controllare i contenuti web (URL) che le app di Windows Store usano' anche su Off.

Quindi, perché tutte le critiche? In particolare, il nuovo Windows è condannato per non consentire agli utenti di rinunciare a determinati servizi predefiniti. Questi includono l'invio di dati Microsoft ad annunci pubblicitari personalizzati (tramite ID annuncio personale); un sistema di aggiornamento peer-to-peer (Torrent) che aumenta l'utilizzo della larghezza di banda (e potrebbe comportare un aumento dei costi per i dati). Comunica regolarmente con i server - influendo negativamente sulla velocità di navigazione del Web - e accumula i dati immessi dall'utente per "insegnare" all'assistente digitale integrato Cortana, che la società concede,

"Raccoglie e utilizza vari tipi di dati, come la posizione del dispositivo, i dati del tuo calendario, le app che usi, i dati delle tue e-mail e messaggi di testo, chi chiami, i tuoi contatti e la frequenza con cui interagisci con loro sul tuo dispositivo. '

Raccolta dati di Windows 10

La cattiva stampa ha ispirato molti utenti di Windows a evitare l'aggiornamento gratuito - disponibile per gli utenti di Windows 7, 8 e 8.1 - per timore che potrebbe essere in grado di eseguire una sorveglianza segreta che invade la privacy. Ora, le modifiche al percorso di aggiornamento annunciate la scorsa settimana significano che presto sarà molto difficile per gli utenti evitare l'aggiornamento,

'All'inizio del prossimo anno, prevediamo di riclassificare Windows 10 come "Aggiornamento consigliato". A seconda delle impostazioni di Windows Update, ciò può causare l'avvio automatico del processo di aggiornamento sul dispositivo. " ha detto Terry Myerson di Microsoft.

Quindi, cosa significa essere costretti ad avere Windows 10 in realtà? E perché dovresti usare questa guida per disabilitare la raccolta di dati di Windows 10?

In primo luogo, il vicepresidente aziendale di Microsoft Joe Belfiore ha recentemente ammesso che Windows 10 tiene traccia e invia continuamente informazioni a Microsoft. Inoltre, in un rassicurante cenno ai sostenitori della privacy (che hanno sbattuto il sistema per mesi), ammette che mentre alcune delle sue funzioni di sorveglianza possono essere disattivate, altre no,

'Nei casi in cui non abbiamo fornito opzioni, riteniamo che queste cose abbiano a che fare con la salute del sistema. Nel caso in cui sapessimo di aver creato un arresto anomalo o di avere seri problemi di prestazioni, riteniamo che sia così utile per l'ecosistema e quindi non un problema di privacy personale, che oggi raccogliamo quei dati in modo da fare quell'esperienza meglio per tutti ".

Sebbene ciò possa sembrare insignificante per molti, altri (spesso identificati come teorici della cospirazione fino ad ora) ritengono che dovrebbe essere possibile interrompere la comunicazione del PC con i server di Microsoft, se lo desiderano. Mentre è vero che sotto un attento esame molti di questi trasferimenti di dati sembrano abbastanza innocui (mancano di indicatori di identificazione), è preoccupato che gli altri non siano così benigni.

Vale anche la pena notare che mentre molte persone sono informate dei rischi per la sicurezza presenti in Windows 10, altre potrebbero non esserlo. In effetti, è probabile che alcuni utenti eseguano l'aggiornamento a Windows 10 senza alcuna deliberazione (dopo tutto è gratuito). La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che Windows 10 supera di gran lunga le versioni precedenti, il che significa che è possibile che molti utenti possano essere l'esperienza invasiva: clueless che il Contratto di licenza con l'utente finale (EULA) ha concesso a Microsoft un'autorizzazione specifica per la raccolta dei dati sulla sequenza di tasti.

Con lo scoppio del caos nei media riguardo al keylogger in bundle, abbiamo deciso di chiedere a Microsoft una dichiarazione ufficiale sulla veridicità delle accuse che circondano il servizio. Non sorprende che la risposta di Microsoft sia un no,

microsoft response2

Ad un esame più attento, tuttavia, diventa chiaro che il "no" iniziale di Microsoft è seguito casualmente da un "con l'autorizzazione del cliente" sì, Windows può. Sapendo che l'EULA di Windows 10 concede a Microsoft tale autorizzazione da parte del cliente, sicuramente il No iniziale dell'azienda sembra un frettoloso tentativo di direzionare male. Si è anche ostacolati, dappertutto, dalla consapevolezza che se la risposta fosse "no", probabilmente non ci sarebbe un dibattito così acceso nei media.

Non c'è dubbio che il keylogging di Windows 10 (per impostazione predefinita) potrebbe costituire un grave rischio per la sicurezza. Le nostre tastiere sono quelle in cui digitiamo password, dettagli bancari (e altre informazioni sensibili) e oggigiorno è risaputo che il furto di dati dal cyber-crimine è una minaccia molto reale e immediata. Con questo in mente, non è allarmante che le nostre informazioni sensibili possano essere tratteggiate dalle mani di Microsoft? Anche se ciò non accade, possiamo fidarci di Microsoft con un tale tesoro di informazioni? Non dimenticare che Microsoft ammette apertamente di voler Windows 10 su miliardi di PC entro due anni. Questi sono seriamente big data.

Purtroppo, sembra che questo dibattito continui nel prossimo futuro. Principalmente perché Microsoft è il più vicino possibile a "troppo grande per fallire" ed è comodamente posizionato in un oligopolio che non guarda al limite del collasso. Una posizione d'élite che consente all'azienda di costringere gli utenti a fare ciò che vogliono con le loro macchine, al contrario di ciò che vogliono. Di questo Joe Belfiore ci ha rassicurato.

Raccolta dati di Windows 10: conclusione

L'unico consiglio solido disponibile per gli utenti di Windows 10 è quello di disattivare quante più funzionalità di invasione della privacy possibile. Qualcosa che probabilmente dovrai fare prima o poi, ora che Microsoft ha iniziato a colpirlo in gola.

Inoltre, se decidi di rimanere con Microsoft, potresti voler dare un'occhiata al nostro recente articolo sulle 5 migliori VPN per Windows 10, che fornisce un'analisi approfondita di quali sono le migliori opzioni VPN quando esegui il nuovo sistema operativo.

Brayan Jackson
Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me