Cloni di Showbox non sicuri da utilizzare senza VPN

Nelle ultime due settimane Showbox e la popolare controparte iOS Moviebox hanno smesso di funzionare. Come quasi sempre accade quando i siti Web e i servizi di streaming popolari diminuiscono, la loro scomparsa è stata accolta con un improvviso afflusso di versioni clonate dell'app.

Quindi queste nuove versioni di Showbox sono legittime sostituzioni? Oppure sono cloni dubbi e insicuri che dovrebbero essere evitati?

La prima cosa da ricordare è che Showbox e Moviebox non si limitano a inoltrare le persone ai collegamenti di file hosting. Invece (come Popcorn Time) le app collegano anche invisibilmente gli utenti ai repository torrent per scaricare e guardare temporaneamente i contenuti nell'app. Ciò è problematico perché in molti paesi gli ISP monitorano il traffico alla ricerca di persone che scaricano illegalmente film tramite BitTorrent.

I detentori del copyright lavorano a fianco degli ISP per scoprire i pirati e dare seguito a potenziali lettere di fatturazione. Quelle lettere avvertono i pirati di essere stati arrestati - fatturandoli per un importo compreso tra $ 150 e $ 300 - con la minaccia che il mancato pagamento porterà ad ulteriori azioni in tribunale.

Un famoso caso di potenziale fatturazione riguardava Dallas Buyers Club LLC (DBC) nel 2015. A quel tempo, uno studio legale che lavorava per conto di DBC e Voltage Pictures fatturò sospetti pirati da un certo numero di paesi tra cui Danimarca, Spagna e Australia.

I cloni di Showbox richiedono una VPN

Monitoraggio dell'indirizzo IP?

Avanti veloce a maggio di quest'anno quando un gruppo di studi cinematografici indipendenti, tra cui DBC, Cobbler Nevada e Bodyguard Productions (solo per citarne alcuni) ha iniziato a prendere di mira i siti web ritenuti dietro Showbox.

A settembre, questa azione è stata rapidamente seguita da un avviso DMCA che ha costretto Cloudflare a rivelare le identità degli individui e dei siti Web collegati a Showbox. Da allora, lo Showbox originale è andato offline e, secondo TorrentFreak, ci sono molte ragioni per essere diffidenti nei confronti dei vari cloni che sono apparsi sulla sua scia.

Innanzitutto, è importante ricordare che le società cinematografiche dietro la chiusura di Showbox sono tutte note per aver precedentemente effettuato fatturazioni potenziali. Questo genera campanelli d'allarme perché un certo numero di siti Web che un tempo fornivano contenuti per Showbox ora mostrano il seguente avviso:

Avviso di Showbox

La menzione degli indirizzi IP da monitorare è sufficiente per innescare campanelli d'allarme - perché non è folle presumere che potrebbe esserci un altro giro di fatturazione potenziale in arrivo nel prossimo futuro.

Solo spaventapasseri?

È vero che sia gli avvertimenti sui siti web affiliati a Showbox sia le potenziali lettere di fatturazione sono considerati da molte persone tattiche allarmistiche. È molto raro che i pirati finiscano effettivamente in tribunale, ed è giusto dire che gli studi cinematografici sono in preda alle paure e alla paranoia delle persone per far pagare una piccola percentuale di pirati alla multa iniziale.

Detto questo, vi sono legittime preoccupazioni che il recente scatto dei cloni di Showbox possa in qualche modo essere affiliato ai detentori del copyright. In tal caso, è possibile che l'app venga utilizzata per aiutare i cineasti a creare un database di possibili indirizzi IP per la fatturazione futura. E i detentori del copyright stanno diventando sempre più coraggiosi e più forti nelle loro tattiche col passare del tempo

Con questo in mente, sembrerebbe generalmente una cattiva idea andare ovunque vicino alle varianti di Showbox - specialmente senza l'uso di una VPN forte e sicura.

Confusione e cattiva direzione

Ciò che preoccupa è che molte persone che fanno domande online non sembrano sapere da dove abbiano ottenuto la loro versione dell'app Showbox. Ciò significa che è possibile che un gran numero di utenti abbia già scaricato un clone problematico del servizio originale.

Dopotutto, la pressione è aumentata su Showbox da maggio. Ciò offre alle persone almeno una finestra di sette mesi in cui teoricamente avrebbero potuto scaricare una versione compromessa di Showbox.

TorrentFreak avverte che:

"Diverse volte negli ultimi mesi ci è stato chiesto da e-mail casuali di" aggiornare "i nostri vecchi articoli Showbox (e in effetti TerrariumTV) con nuovi collegamenti a quelle che affermavano essere le app originali.

"Non sembrano esserci dubbi sul fatto che si sia trattato di un tentativo di indirizzare erroneamente, quindi a differenza di altre agenzie di stampa che hanno modificato i loro collegamenti, abbiamo ignorato le richieste. Non sappiamo se questo sia stato semplicemente un tentativo di indirizzare più traffico verso cloni "sicuri", siti Web che offrono l'originale, o se fosse in gioco qualcosa di più sinistro. "

Tutto sommato, sembra giusto avvertire gli utenti che sembrano esserci molte ragioni per stare alla larga da Showbox. E, se qualcuno decide di continuare a utilizzare una variante di Showbox, è necessario prestare molta attenzione a nascondere il proprio indirizzo IP con l'uso di una VPN per Torrenting. In caso contrario si potrebbe provocare una brutta sorpresa più in basso.

Brayan Jackson
Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me