Le emittenti televisive britanniche stanno pianificando un servizio di streaming online per competere con Netflix

Alcune delle emittenti più note nel Regno Unito stanno discutendo della possibilità di creare un servizio di streaming online britannico. Si dice che la BBC, ITV e Channel 4 - così come l'emittente americana NBC Universal - stiano esplorando l'idea di creare un servizio in abbonamento che possa competere con i giganti dello streaming online come Netflix e Amazon.

Nel Regno Unito, 4,3 milioni di case si iscrivono ad Amazon Prime Video. Netflix gode di una base utenti ancora più ampia, con un totale di 8,2 milioni di abbonati. Sono numeri enormi e le emittenti britanniche tradizionali stanno iniziando a preoccuparsi di poter essere lasciate indietro.

Bambini che guardano Netflix

La BBC ha ammesso che i giovani di età compresa tra i 16 e i 24 anni trascorrono più tempo a guardare Netflix ogni settimana che consumano contenuti della BBC, sia tramite la TV che l'iPlayer messi insieme. Questa sarà una pillola amara per la zia Beeb da ingoiare, poiché ha sempre messo le spalle ai mercati britannici di TV e Radio.

Il problema principale per le vecchie emittenti britanniche è che i nuovi ragazzi del blocco hanno capitalizzato su un modello di abbonamento in forte espansione investendo pesantemente in una nuovissima programmazione. Quell'esplosione creativa li sta colpendo duramente perché fornisce esattamente ciò che i consumatori vogliono.

E non è solo la TV. La BBC ha confermato che anche i giovani stanno abbandonando le sue stazioni radio a favore di servizi di streaming come Spotify e iTunes.

Una fonte con informazioni sui colloqui in corso ha detto al Guardian che le emittenti britanniche intendono creare un servizio che permetta loro di rimanere pertinenti.

“Tutte le opzioni sono aperte, sono conversazioni iniziali e nessuna direzione è ancora ferma. Ma sanno che una piattaforma video-on-demand sarebbe una vera difesa per le industrie creative del Regno Unito. "

Qualcosa deve essere fatto

Tony Hall, direttore generale della BBC, ha recentemente commentato che a meno che non tiri su le calze "il panorama globale dei media sarà dominato da quattro, forse cinque, imprese sulla costa occidentale dell'America negli anni a venire".

Sembra una prognosi ragionevole. Dopotutto, i consumatori non vogliono più essere alimentati a cucchiaio, preferiscono invece consumare contenuti come e quando vogliono.

Non è la prima volta che BBC, ITV e Channel 4 esplorano la possibilità di una joint venture.

Progetto Canguro

Nel 2007, le tre maggiori emittenti britanniche avevano in programma di lanciare un servizio online chiamato Kangaroo. Tale impresa, che è stata descritta come "innovativa", avrebbe creato entrate consentendo ai consumatori di pagare per guardare la TV fuori da una finestra iniziale di 7 giorni.

Purtroppo, il concetto lungimirante è stato alla fine rovesciato dalla Commissione per la concorrenza del Regno Unito. A quel tempo, Peter Freeman, il presidente della Commissione della concorrenza disse:

"Dopo un'attenta e approfondita considerazione, abbiamo deciso che questa joint venture rappresenterebbe una minaccia eccessiva per la concorrenza in questo mercato in via di sviluppo e deve essere fermata."

Una fonte vicina alla BBC ha detto al Guardian che il nuovo servizio di streaming sembra essere "un po 'spolverato di canguro, una buona idea che non avrebbe mai dovuto essere bloccata".

Cosa aspettarsi?

Da quando il Canguro è stato originariamente proposto, molte cose sono cambiate. ITV Hub e All 4 hanno lavorato duramente per ritagliarsi un posto nel mercato digitale e stanno entrambi ottenendo un successo ragionevole.

Secondo fonti, la BBC vorrebbe mantenere iPlayer come un marchio principale nel nuovo progetto - ma sembra improbabile che ciò sia gradito alle altre emittenti.

Analisi ProPrivacy

Tradizionalmente, i contenuti video sono stati concessi in licenza a regioni specifiche caso per caso. Ciò ha portato all'uso diffuso di restrizioni geografiche. La tecnologia VPN, che consente alle persone di far finta di essere in un altro paese, sta rapidamente ridondando le restrizioni geografiche. Ad esempio, utilizzando una VPN, gli abbonati Netflix sono in grado di accedere ai contenuti Netflix precedentemente bloccati nella propria regione. Questo sta diventando più popolare.

Producendo originali Netflix e acquistando direttamente contenuti per il suo servizio, Netflix è in grado di offrire contenuti in tutti i mercati contemporaneamente. Ora stiamo vedendo lo stesso da artisti del calibro di Amazon e Hulu.

Questa nuova forma di distribuzione globale dei contenuti sta minacciando direttamente il modello di finanziamento della BBC. Nel Regno Unito, tutte le famiglie che guardano o registrano trasmissioni televisive in diretta durante la trasmissione sono tenute in possesso di una licenza televisiva.

È improbabile che la BBC abbia mai rinunciato al suo uovo d'oro (tasse di licenza obbligatorie), ma con una nuova generazione di consumatori felici di rinunciare alla televisione in diretta, il Beeb potrebbe gettare le basi per un servizio TV su abbonamento disponibile non solo nel Regno Unito, ma in tutto il mondo.

Le opinioni sono proprie dello scrittore.

Brayan Jackson
Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me